capodannobergamo.com - cenoni, feste, discoteche, hotel, agriturismi, tutto su come passare il capodanno a Bergamo e provincia

Info & Prenotazioni:

Scrivici info@capodannobergamo.com

La provincia di Bergamo

Il territorio della provincia di Bergamo, il numero di abitanti e le bellezze culturali e del territorio

Data Pubblicazione:

Provincia di BergamoLa Provincia di Bergamo è una delle più interessanti, da un punto di vista delle cose da fare e da vedere, di tutta la Lombardia. Il numero dei provincia Bergamo abitanti è di poco oltre 1 milione, su una superficie complessiva di circa 2.700 chilometri quadrati.

 

La principale città della provincia è ovviamente Bergamo, che si divide tra la città alta e la città bassa. La prima è quella più storica, dove ci sono anche i monumenti e le piazze più belle da vedere, mentre la seconda è quella più moderna, con discoteche e locali.

 

La parte settentrionale della provincia è costituita delle Alpi Orobie, con il punto più alto nel Monte Coca a 3.052 metri. La parte meridionale è invece costituita principalmente da pianure, il che ci mostra come la provincia sia molto varia dal punto di vista delle altitudini.

 

Tra le città paesi principali provincia Bergamo possiamo vedere, oltre alla già citata Bergamo, anche Treviglio e Seriate, oltre che Alzano Lombardo e Osio Sotto.

 

La provincia Bergamo è particolarmente famosa per le sue terme, come quelle di Trescore e di Sant’Obono. Sono tutte e due delle location rinomate in Italia per le acque termali di buona qualità. Tra i centri termali, tuttavia, il più famoso è indubbiamente quello di San Pellegrino, caratterizzato da acque termali tra le più rinomate al mondo. Questo centro termale è diviso in cinque diversi centri benessere ed è il più grande del nostro paese.

 

Da non perdere sono le architetture religiose di Treviglio, come la Basilica di San Martino, costruita nel 1008 al posto della chiesa dell’Assunta, così come la Chiesa di San Carlo ai Morti.

 

A Seriate, invece, ci sono tutta una serie di ville che erano usate in passato dai nobili per le loro vacanze in quest’area, memoria del passato rinascimentale di Bergamo, come la Villa Ambiveri e la villa Piccinelli.

publisher
back to top